Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scioperano i dipendenti pubblici: in 20 anni 18.000 lavoratori in meno in Piemonte, 8.000 solo nel Comune di Torino

Chiedono una riforma del sistema pubblico

 

Sono scesi in piazza anche a Torino i lavoratori del pubblico impiego che oggi, mercoledì 9 dicembre, hanno aderito allo sciopero nazionale dei sindacati della Funzione Pubblica. A Torino i presidi si sono tenuti davanti alla Prefettura, alle Molinette e davanti alla sede dell'INPS. Un altro presidio si è tenuto a Ivrea agli Uffici Giudiziari. 

"Chiediamo al Governo di rinnovare la pubblica amministrazione", spiega Gabriele Gilotto della Funzione Pubblica CGIL, "Per farlo ci vogliono idee, organizzazione e risorse per riconoscere un nuovo contratto e nuove regole di lavoro. Noi richiediamo al Governo di essere ascoltati". Lavoratori pubblici che spesso sono oggetto di critiche e polemiche, qualcuno ha anche messo in discussione l'opportunità dello sciopero nazionale di oggi: "Nessuno aveva intenzione di scioperare perché vogliamo discutere, ma il Governo non ci ha mai ascoltati. Non è riducendo i diritti ad alcuni lavoratori che si aumentano quelli degli altri. Si devono aumentare i diritti di tutti". 

Dal 2001 al 2018 nella pubblica amministrazione in Piemonte ci sono 18.000 lavoratori in meno: "Solo il Comune di Torino ha tagliato 8.000 dipendenti. Questo comporta meno servizi e meno sostegno al cittadino. Noi non scioperiamo solo per i soldi, ma per un'amministrazione pubblica efficace ed efficiente. La media d'età del personale che lavora nella pubblica amministrazione supera di gran lunga i 55 anni", racconta Roberto Scassa della UIL FPL, "Crediamo che un Paese moderno debba avere un ricambio generazionale altrimenti vediamo il caos che avviene quando ci sono i nuovi strumenti da mettere in campo". 

Altro problema del pubblico impiegno è la precarietà dei lavoratori: "È assurdo che non si possa trovare un sistema pubblico che non si basi sul precariato. Noi presidiamo il territorio, un dipendente pubblico è in ogni ufficio o ente. Noi siamo in smart working con computer personali ed è difficile lavorare in queste condizioni", spiega Diego Truffa della FP CISL, "Tra le varie riforme si dovrebbero mettere assieme tutte le banche dati. Abbiamo bisogno di un ringiovanimento e non solo del personale". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento