Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo Stato non paga e l'azienda è in crisi: Natale senza stipendio per i lavoratori

Coinvolti 70 lavoratori della Massano

 

Sono una settantina di lavoratori che oggi, martedì 17 dicembre, hanno incrociato le braccia perché a novembre non hanno ricevuto lo stipendio che spettava loro. Sono i lavoratori della Massano, un'azienda che si occupa di lavori stradali e che paradossalmente lavoro ne ha eccome. Il problema? Chi ha commissionato all'azienda i lavori, perché ha vinto un appalto, non ha ancora pagato. 

Tra chi deve ancora dei soldi all'azienda che è in difficoltà perché in carenza di liquidità ci sono anche enti pubblici. Lo Stato. "Fortunatamente grazie all'intervento del fondo di solidarietà della Cassa edile di Torino riusciranno ad avere la tredicesima, ma sono molto preoccupati per la procedura di ristrutturazione del debito che l'azienda ha comunicato voler fare", racconta Stefano Ponzuoli della FILLEA CGIL.  

Gli stabilimenti coinvolti sono due, uno a Montanera e uno in Strada del Portone al confine tra Torino e Grugliasco.

La comunicazione dell'azienda - aggiornamento

Intanto l'azienda, Massano, ha fatto sapere tramite una nota stampa diffusa giovedì 19 dicembre che stipendi e tredicesime saranno pagate in tempo ma ha chiesto la cessazione dello sciopero e la ripresa dell’attività lavorativa. Lo stipendio di novembre sarà pagato ai lavoratori in due tranche, una prima di Natale e la seconda entro la fine dell’anno. L’azienda ha anche confermato che le tredicesime verranno pagate a tutti i lavoratori entro la fine di questa settimana per il tramite delle Casse Edili di Cuneo e di Torino. 

L'azienda ha inoltre chiesto l’immediata cessazione dello sciopero degli operai e la regolare ripresa dell’attività. Scrivono: "per il bene dei lavoratori e dell’azienda stessa. Infatti, se lo sciopero continua, la busta paga del mese di dicembre sarà alquanto ridotta e i clienti insolventi non saranno incentivati a saldare il debito che hanno nei confronti della Massano Srl. Infine, per quanto attiene alla situazione aziendale, si fa presente che la Massano Srl ha incaricato un advisor legale e finanziario, al fine di assisterla nella ristrutturazione che garantisca la continuità aziendale".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento