Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Omicidio-suicidio, la nonna dell'11enne: "Sembrava tutto a posto. Andrea era la cosa alla quale mio figlio teneva di più"

Dopo la terribile tragedia

 

"Andrea era la cosa alla quale teneva di più", a dirlo è Fernanda, la nonna del piccolo Andrea. Una donna incredula dopo la tragedia (qui tutti i dettagli) che ha sconvolto la sua famiglia nella notte appena trascorsa, lunedì 21 settembre 2020. 

Riferendosi a Claudio Baima Poma, l'uomo che questa notte prima ha ucciso il figlio di 11 anni e poi si è suicidat,o racconta: "L'ho visto ieri sera. Diceva che non serviva a nulla andare dallo psicanalista e io gli dicevo che ci voleva del tempo per far passare la depressione. Andrea era la cosa alla quale teneva di più".

Incredulo anche il sindaco di Rivara, Roberto Andriollo: "Quando ho sentito questa cosa sono rimasto raggelato. La famiglia è composta da persone a posto. Questo ragazzo è stato sfortunato già con la prima ragazza che era morta di tumore prima del matrimonio. Adesso questo nuovo problema familiare. Uccidere il figlio è la cosa più innaturale di questo mondo. Come genitore non riesco ad avere parole. Ho letto questa mattina del messaggio su Facebook, ma mi sono fermato e non l'ho letto".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento