Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La riqualificazione di Torino la sceglie il cittadino: i cambiamenti del campo da basket e dell'ex mensa scolastica

Presentati i risultati del progetto Co-City

 

Sono cittadini che amano il proprio territorio e che hanno messo a disposizione le proprie idee. È questo l'ingrediente segreto che ha permesso al progetto Co-City di attecchire anche a Torino. Un'iniziativa finanziata dall'Unione Europea che sta permettendo di lanciare oltre 50 progetti di riqualificazione urbana su tutto il territorio torinese. In totale sono stati investiti 5 milioni di euro. 

"Il tema vero è che ci sono dei cittadini innamorati della propria città, del proprio territorio e del proprio quartiere che hanno finalmente avuto la possibilità di prendersene cura", commenta Marco Giusta, assessore alle Periferie e ai Beni comuni del Comune di Torino, e a vedere dall'entusiasmo con il quale i promotori dei progetti ne parlano sembra avere proprio ragione. 

Gioia Raro per esempio è una delle rappresentanti del tavolo di associazioni e comitati che a Falchera ha promosso il patto di collaborazione tra cittadini e amministrazione "Falklab alla seconda". In questo caso per esempio si sta cercando di dare un nuovo slancio a una ex mensa scolastica trasformandola in un luogo di aggregazione per giovani e famiglie. 

In corso Taranto invece un gruppo di ragazzi appassionati di basket si sono presi in carico la cura e manutenzione di un vecchio campetto che adesso è stato valorizzato diventando così un punto di ritrovo: "La bellezza di questi progetti nasce dal fatto che sono stati spontanei. Erano nell'animo dei cittadini e si sono potuti concretizzare. Questo campetto era molto amata e la riqualificazione lo ha trasformato in un luogo ancora più frequentato e bene. Dove ci sono ragazzi che fanno sport non c'è delinquenza e insicurezza". 

Amin Barraz ha 24 anni ed è uno dei ragazzi che ha voluto riqualificare il campo di corso Taranto: "Per noi è importante questo luogo e lo dimostra il fatto che qua a commemorare la morte di Kobe Bryant c'erano 60 persone. Cosa che due anni fa era impensabile perché il campetto non era vissuto così bene come adesso". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento