Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La TAV si farà, parola della Lega: "Bloccare l'opera non è nel contratto di Governo"

 

La TAV si farà. A ribadirlo è Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera per la Lega e segretario regionale del partito in Piemonte. Per ribadirlo ha scelto la manifestazione che questa mattina - sabato 12 gennaio - si è tenuta in piazza Castello a Torino e che è stata organizzata dalle sette madamine del comitato "Sì, Torino va avanti". 

"La Lega è pronta a discutere su come rendere il progetto più efficiente, su come farlo costare di meno e su come variarlo. Un conto però è ragionare sulle modalità di esecuzione, un conto è ritenere di non farlo. Sul non farlo noi non siamo d'accordo" - ha ribadito Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera per la Lega.

"Noi siamo sempre stati dell'idea che si debba fare. Ribadiamo una cosa che era nel nostro programma elettorale. Abbiamo firmato un contratto di Governo che dice che in base al risultato dell'analisi costi-benefici si valuteranno le modalità di esecuzione. Si può dunque prendere tempo, ma un conto è ragionare su come cambiare il tragitto e tagliare gli sprechi e un conto è dire che non si deve fare. Su questo non siamo d'accordo" - ha continuato Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera per la Lega.

"Io sono convinto che troveremo una sintesi, ma se non dovessimo trovarla daremo parola ai cittadini. È inutile parlare di un referendum fino a quando non conosciamo la decisione del ministro Toninelli" - ha concluso Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera per la Lega.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento