Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dentro il laboratorio delle bambole, dove Greta dona loro una nuova vita | VIDEO

Greta Canalis è la dottoressa delle bambole

 

Là dentro si restaurano bambole, orsi e sogni d'infanzia infranti. Così Greta Canalis, la dottoressa delle bambole, ha voluto far scrivere sulla porta d'ingresso del suo minuscolo laboratorio in via Barbaroux a Torino. Capitarci dentro può essere un caso, ma una volta varcata la soglia d'ingresso si entra in un mondo magico e incantato. 

Lì dentro, dietro la sua piccola scrivania, la dottoressa delle bambole lavora con pazienza giorno dopo giorno per ridare vita a quelle che per tanti bambini e bambine possono essere amici e fonte di conforto. Forbici, elastici e piccoli pennelli sono i suoi attrezzi del mestiere. 

"Ho iniziato circa dieci anni fa per caso. Sono entrata dentro un negozio di giocattoli e c'era un signore, tipo Babbo Natale, molto dolce e simpatico che mi ha insegnato il mestiere perché lui lo stava lasciando", racconta Greta, "Ho fatto lavoro di bottega e poi sono diventata dottoressa delle bambole".

Come si ripara una bambola? "Proprio come un vero restauro si studiano i materiali e come posso restaurarli. Posso anche cambiare gli elastici, trovare un vestito. Portano qui le bambole e se la testa e in mille pezzi la ricostruisco oppure se è solo da pulire la pulisco", spiega la dottoressa delle bambole. 

In questo periodo il tuo lavoro aumenta? "Sotto Natale tante signore vogliono regalare le bambole alle proprie nipoti e quindi le portano a sistemare. Una volta si lavora di più a Natale, adesso anche durante il resto dell'anno", conclude Greta. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento