Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

7 nuove aule studio all'aperto: per gli studenti più di 900 posti a sedere nei punti verdi di Torino

Un progetto della Città di Torino e dell'EDiSU

 

Dal 10 agosto fino al 30 settembre per gli studenti universitari torinesi ci sarà un'opportunità in più, o meglio sette opportunità. Sì, perché verranno aperte sette nuove aule studio all'aperto nei punti verdi estivi della città. In totale i posti a sedere a disposizione saranno 900. 

"Si tratta di una sperimentazione che nasce lo scorso anno con una progettuale che si chiama Campus Diffuso. Si tratta di un protocollo d'intesa che la Città ha firmato con Politecnico e Università degli Studi di Torino per ragionare sulla possibilità di aprire spazi di aggregazione giovanile come aule studio", ha spiegato Marco Giusta, assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Torino. 

"Quest'anno grazie al sostegno di EDiSU abbiamo scelto di investire su sette di questi punti estivi rendendoli aule studio con wi-fi e tutti i comfort per offrire agli studenti spazi dedicati che rispondano al loro diritto di incontrarsi, stare insieme e studiare", ha concluso Marco Giusta. 

"Gli studenti hanno bisogno di spazi e in questo problema gli spazi creano problemi di assembramento. La possibilità di avere spazi aperti è ottima. Spero che anche a emergenza finita possa continuare. Per il periodo invernale stiamo cercando di trovare soluzioni simili al chiuso proprio perché in particolare nei prossimi mesi con la pandemia attiva avere spazi ampi dove garantire la possibilità di studiare in sicurezza è fondamentale. Noi muoviamo 80.000 studenti, sono numeri importanti e c'è bisogno di tutta la collaborazione possibile", ha concluso Stefano Geuna, Rettore dell'Università di Torino. 

I punti estivi verdi che avranno spazi dedicati agli studenti sono: l'Imbarchino al Valentino, il Comala di corso Ferrucci, CPG di Torino di strada delle Cacce, la Fondazione Mirafiori che ha sede nella Casa del Parco, Associazione Spiriti Indipendenti del Parco del Valentino, Sun of a beach di via Cigna, L'arteficio di via Giulio e l'associazione Nessuno di via Lombroso. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento