Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Urla e cori davanti al carcere: la polizia penitenziaria protesta contro le aggressioni | VIDEO

Agenti chiedono più sicurezza

Aggressioni, tensioni, carenza di uomini e sovraffollamento. Sono questi i motivi che hanno spinto gli agenti di polizia penitenziaria a protestare questa mattina, venerdì 21 maggio 2021, davanti al carcere 'Lorusso e Cutugno'. Presenti anche le sigle sindacali Osapp, Uilpa e Sinappe.

"Dimmissioni, dimissioni", è l'urlo che hanno scandito all'unisono: "Chiediamo le dimissioni del comandante e del direttore perché viste hanno paura di intervenire anche a fronte delle continue aggressioni che subiamo - spiega Bruno Polsinelli, segretario interprovinciale Sinappe -. Solo in Piemonte la media è di un'aggressione al giorno e nessuno interviene". 

"Non ci vengono dati strumenti e mezzi per svolgere il nostro lavoro. Utilizziamo strumenti di controllo detenuti in una situazione nella quale il rapporto è di 1 a 50, senza alcun tipo di garanzia: non abbiamo armi, teser, spray anti aggressione perché l'amministrazione li  considera lesivi", continua Polsinelli. 

Carcere che secondo le organizzazioni sindacali non è sicuro e dignitoso neppure per i detenuti che dovrebbero convivere con blatte e ratti. "I bagni e le docce stanno cadendo a pezzi. Quando chiediamo di sistemare l'istituto ci dicono che non hanno i soldi". Infine la questione carenza di personale: secondo i sindacati mancherebbero 300 poliziotti penitenziari e questo porta gli attuali agenti a sostenere turni di lavoro che sarebbero massacranti. 

Tra le lamentele non mancano quelle sulla comunicazione da parte del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria ("è assente", dicono) e quelle sui diritti delle donne ("in particolare sui congedi parentali, spesso negati").

Non è la prima volta che protestano

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Urla e cori davanti al carcere: la polizia penitenziaria protesta contro le aggressioni | VIDEO

TorinoToday è in caricamento