Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Torino, lavoratrici e lavoratori dei nidi e delle scuole primarie bloccano il traffico

Bus e tram deviati per una quarantina di minuti circa davanti a Piazza Palazzo di Città

 

Le lavoratrici dei nidi e degli asili comunali bloccano Piazza Palazzo di Città. Oggi, venerdì 23 ottobre, a Torino chiuse 29 scuole su 37 per lo sciopero dei lavoratori e delle lavoratrici. Bloccato il transito ai bus e ai tram in via Milano per oltre 40 minuti. 

"Quella di oggi è una giornata di sciopero generale. In primo luogo oggi in piazza sono presenti le lavoratrici delle scuole primarie e dei nidi comunali a cui è stato aumentato l'orario e sono peggiorate le condizioni di lavoro all'interno di una situazione di emergenza e di difficoltà", spiega Stefano Capello, coordinatore provinciale della CUB. 

"Abbiamo chiuso ventinove tra scuole materne e asili nido comunali su 37 presenti nella città di Torino", aggiunge Capello che poi continua, "Per noi la sicurezza a scuola ripartiva in primo luogo dalla sicurezza dei trasporti perché oggi non sono le scuole a essere l'epicentro della ripartenza del contagio, quanto i trasporti. Un settore sul quale le responsabilità delle regioni e degli enti locali sono enormi, non hanno fatto quel che dovevano fare per mettere in sicurezza la ripartenza delle scuole". 

"Avrebbero dovuto aumentare il numero dei trasporti e invece hanno dato il via all'80% della capienza che in breve tempo è diventato il 100%. Non sono stati aumentati i mezzi e le corse. Il primo modo in cui Regione e Comune poteva intervenire sarebbe stato questo, ma non lo hanno fatto e questa è una gravissima responsabilità loro", conclude Capello. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento