Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Primo Maggio, al centro il tema della povertà: "I grandi eventi non siano solo una vetrina, ma creino lavoro"

 

Sarà un Primo maggio che metterà al centro il tema della povertà. Ad annunciarlo sono stati i rappresentanti dei tre sindacati - CGIL, CISL e UIL - che hanno organizzato il consueto corteo che partirà mercoledì 1 maggio da piazza Vittorio Veneto alle ore 9.00 e si concluderà in piazza San Carlo dove alle 11.00 è previsto il comizio conclusivo di Giovanni Cortese, segretario della UIL Piemonte. 

"A Torino la povertà è ancora molto presente. Per questo noi ci teniamo a dire che al centro deve esserci il lavoro che fa uscire dalla condizione di povertà. Non ci basta un lavoro qualunque, ma ci vuole un lavoro con diritti e che possa dare un reddito sufficiente alle persone. Anche gli eventi che si terranno a Torino non devono servire solo a far conoscere la bellezza della nostra città, dobbiamo fare in modo che servano a creare buona occupazione" - ha dichiarato Enrica Valfrè della CGIL Torino. 

"Noi siamo preoccupati per la grande sfiducia che oggi c'è a livello europeo e l'Europa deve recuperare con politiche sociali, rafforzando le istituzioni e mettendo nella propria agenda i temi del lavoro" - ha dichiarato Giovanni Cortese, della UIL Piemonte. 

"Siamo un Paese in questo momento fermo e abbiamo la necessità di portare al centro dell'agenda politica i temi della crescita, dello sviluppo e del lavoro per favorire la crescita dell'occupazione" - ha dichiarato Domenico Lo Bianco della CISL Torino. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento