Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Asili nido, a settembre 100 posti vacanti: le educatrici precarie protestano in Comune

 

Si sono radunate questo pomeriggio - lunedì 25 marzo - in piazza Palazzo di Città per chiedere che il loro lavoro venga stabilizzato. Sono le educatrici precarie del Comune di Torino che operano negli asili nido comunali. "Ci è stato detto che a settembre i vuoti di organico tra asili nido e scuole dell'infanzia saranno un centinaio. L'unica graduatoria dalla quale il Comune può assumere per sopperire a questo vuoto di organico è la nostra. Quello che noi chiediamo è che vengano effettuate un numero di assunzioni consistenti per coprire il vuoto di organico attuale" - a parlare è Maristella Barbiso, una delle lavoratrici oggi in presidio. 

Quella dei posti vacanti è una problematica che si ripete da tempo e che con il passare degli anni sarebbe diventata sempre più grave perché il Comune invece di integrare il personale con contratti a tempo indeterminato avrebbe affrontato la questione servendosi di educatrici a tempo determinato. Inoltre ad aggravare la situazione di queste lavoratrici ci sarebbe il blocco posto dal Comune di 36 mesi di servizio per le lavoratrici a tempo determinato. 

"Quasi tutte noi abbiamo raggiunto i 36 mesi perché sui posti vacanti veniva messo personale precario e dunque in pochissimo tempo abbiamo raggiunto la soglia dei 36 mesi. All'assessore Di Martino è che è inutile che ci vengano a dire che non hanno le supplenti perché se siamo in questa situazione la colpa è loro" - continua Maristella Barbiso, una delle lavoratrici oggi in presidio. 

Il tempo però stringe perché la graduatoria che riguarda queste lavoratrici scadra nel marzo del 2020 e se entro quella data non verranno assunte il loro sforzo e lavoro sarà vano. Oggi una delegazione delle lavoratrici è stata ascoltata dalla conferenza dei capigruppo in Comune. 

Nei giorni scorsi alcuni genitori di bambini e bambine che frequentano gli asili nido comunali di Torino hanno scritto una lettera alla sindaca Chiara Appendino. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento