Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il grande cuore dei commercianti della Tettoia di Porta Palazzo: quattro quintali di carne per le famiglie in crisi

Li distribuirà la polizia locale

 

Quattro tonnellate di carne da distribuire alle famiglie che non se la possono permettere. È il dono che i commercianti del mercato coperto di Porta Palazzo hanno alla piattaforma di solidarietà gestita dal comando dei vigili urbani. I due bancali di carne verranno smistati alle parrocchie San Gioacchino, Maria Ausiliatrice, Valdocco e alla comunità marocchina di Porta Palazzo.

"Questa iniziativa nasce dal fatto che sappiamo che c'è gente che non arriva a fine mese, anche perché il Governo non da la cassa integrazione a chi è a casa. Vogliamo aiutare anche se in questo momento abbiamo anche noi bisogno di una mano. Tutto questo mi fa ricordare quando appena arrivato a Torino, 60 anni fa, le parrocchie aiutavano molto. Voglio ricambiare", racconta Umberto Buonaventura, presidente del mercato coperto di Porta Palazzo. I commercianti della tettoia hanno versato un contributo che è stato utilizzato per acquistare i 400 chilogrammi di carne. 

"Abbiamo notizie di famiglie in difficoltà che raggiungiamo grazie all'aiuto dei commercianti della zona. C'è stato un aumento delle persone che hanno bisogno e abbiamo notato che c'è un aumento delle famiglie di italiani che hanno necessità immediata di cibo", racconta Rino Amato, vice commissario della Polizia Locale. 

"C'è anche molta buona volontà. Molti giovani si danno da fare per aiutare nella distribuzione. Questa è stata anche l'occasione per tirare fuori il meglio", conclude Don Roberto della parrocchia Santa Croce e Santissimo nome di Gesù. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento