Torino, tossici rubano e fanno affari con i vecchietti per comprarsi la droga: succede davanti a Porta Nuova

L'inchiesta della trasmissione televisiva Le Iene

 

È un giro di affari a cielo aperto, alla luce del sole. Ogni giorno davanti alla stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova, al Giardino Sambuy, tossici e vecchietti fanno affari: i primi per accumulare i soldi per comprarsi la droga; i secondi per pagare meno il cibo da mangiare. 

Il sistema che è stato denunciato dalla trasmissione televisiva Le Iene è semplice. I tossicodipendenti ogni giorni si presentano al Giardino Sambuy, lì ad aspettarli ci sono gruppi di vecchietti che attendono con pazienza di fare il loro ordine. Tonno, carne in scatola, olio, lamette per farsi la barba che i tossici andranno a rubare al supermercato. 

Una volta rubata la spesa i tossicondipendenti torneranno dai vecchietti che pagheranno il cibo a metà prezzo. In questo modo il vecchietto avrà risparmiato il 50% del denaro e il tossico avrà i soldi per comprarsi la dose. Non tutti però sono vecchietti che non riescono ad arrivare a fine mese, alcuni di loro hanno case in città e fuori regione, come testimonia il servizio de Le Iene. E sono consapevoli che il loro risparmio potrebbe portare il tossicodipendente che ha rubato per loro fino alla morte. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento