Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Pietre preziose false: sequestrati 100mila monili, denunciati due imprenditori

Maxi-multa a un negoziante

 

Corallo rosa, corallo rosso, lapislazzuli, agata blu, onice, madrepora, perla marina e madreperla: sono alcune delle ingannevoli indicazioni riportate sugli oltre 100mila monili (collane, bracciali, orecchini e anelli), in realtà tutti falsi, prodotti artificialmente con pasta vitrea, ceramica o agglomerati di acrilonitrile butadiene stirene (Abs) che venivano messi sul mercato come veri.

La guardia di finanza di Torino (i 'baschi verdi' del Gruppo Pronto Impiego) ha smantellato, a metà ottobre 2019, un’organizzazione composta da cittadini cinesi, bengalesi e italiani che avevano fatto di alcuni depositi alla Crocetta di Torino e a Moncalieri le loro basi per la loro vendita.

Nel corso di una delle perquisizioni, in un punto vendita in un piano interrato di corso De Gasperi, i finanzieri hanno scoperto come tutte le uscite di sicurezza fossero chiuse con lucchetto e fossero per di più inaccessibili vista la quantità di merce stoccata nelle vie di fuga. Tra l’altro, gli estintori e le manichette antincendio, coperti da enormi quantità di mercanzia immagazzinata, erano di fatto inutilizzabili.

Per ora sono stati denunciati i titolari delle due attività, un cinese e un bengalese, accusati di frode in commercio. Per un negoziante italiano, invece, è scattata una multa di 25mila euro per la vendita degli articoli di dubbia provenienza, in negozio o su internet.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento