Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pietre preziose false: sequestrati 100mila monili, denunciati due imprenditori

Maxi-multa a un negoziante

 

Corallo rosa, corallo rosso, lapislazzuli, agata blu, onice, madrepora, perla marina e madreperla: sono alcune delle ingannevoli indicazioni riportate sugli oltre 100mila monili (collane, bracciali, orecchini e anelli), in realtà tutti falsi, prodotti artificialmente con pasta vitrea, ceramica o agglomerati di acrilonitrile butadiene stirene (Abs) che venivano messi sul mercato come veri.

La guardia di finanza di Torino (i 'baschi verdi' del Gruppo Pronto Impiego) ha smantellato, a metà ottobre 2019, un’organizzazione composta da cittadini cinesi, bengalesi e italiani che avevano fatto di alcuni depositi alla Crocetta di Torino e a Moncalieri le loro basi per la loro vendita.

Nel corso di una delle perquisizioni, in un punto vendita in un piano interrato di corso De Gasperi, i finanzieri hanno scoperto come tutte le uscite di sicurezza fossero chiuse con lucchetto e fossero per di più inaccessibili vista la quantità di merce stoccata nelle vie di fuga. Tra l’altro, gli estintori e le manichette antincendio, coperti da enormi quantità di mercanzia immagazzinata, erano di fatto inutilizzabili.

Per ora sono stati denunciati i titolari delle due attività, un cinese e un bengalese, accusati di frode in commercio. Per un negoziante italiano, invece, è scattata una multa di 25mila euro per la vendita degli articoli di dubbia provenienza, in negozio o su internet.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento