Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Torino, manifestazione in Piazza Vittorio contro il lockdown e il DPCM Conte: "A rischio 5.000 attività in centro città"

Presenti anche le mascherine tricolori

 

Erano un centinaio i manifestanti che questa sera, domenica 1 novembre, alle 18 circa si sono trovati in Piazza Vittorio per manifestare al motto di "No Lockdown - No DPCM". Tra questi c'era una folta rappresentanza delle cosiddette mascherine tricolori, un gruppo organizzato vicino all'estrema destra. 

La manifestazione è stata pacifica. Unico momento di tensione quando un gruppo di contestatori etichettati come negazionisti hanno interrotto l'intervento di una operatrice socio-sanitaria. Questi chiedevano all'organizzatore Marco Liccione di togliersi la mascherina e lo stesso hanno fatto con gli altri manifestanti che però si sono rifiutati con forza. 

A spiegare i motivi della protesta Sonia Patacchi, commercianti di via Po: "Ci sono i baristi del centro che stanno incassando 60 euro al giorno. Se passa il secondo DPCM dove vengono chiuse le attività commerciali, qua in centro siamo 5.000 attività con 15.000 dipendenti e c'è il rischio che il 70% non riapra a dicembre". 

"Questa volta si fallisce. C'è gente che si è indebitata da marzo a oggi e che non regge più, ha già chiesto soldi agli strozzini. Non confondete questa piazza con lo schifo che è successo lunedì scorso", ha continuato Sonia Petacchi, "Qua in centro ci saranno migliaia di persone a casa. Qua le attività sono a gestione familiare. I bar, parrucchieri, centri estetici, ristoranti erano tutti a norma". 

Da segnalare il malumore dei gestori dei locali di Piazza Vittorio che a causa della manifestazione hanno dovuto chiudere il locale alle 17.00 e non alle 18.00 per la gestione dell'ordine pubblico. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento