Torino, una piazza sotterranea sotto Piazza San Carlo: inaugurerà ad aprile | VIDEO

Ci sarà un museo fotografico, un ristorante e una caffetteria

Un'enorme piazza sotterranea nel cuore di Torino. È il progetto di Intesa Sanpaolo che inaugurerà nell'aprile del 2022. Si tratta della quarta Galleria d'Italia e sarà edificata sotto Piazza San Carlo: tre piani sotterranei all'interno dei quali ci saranno un museo fotografico, un ristorante e una caffetteria. Il progetto era stato presentato nel gennaio del 2020. 

Quelli che un tempo erano i caveau della filiale più grande e bella di Intesa Sanpaolo, quella al centro di Torino, dal prossimo anno diventeranno uno spazio aperto alla cittadinanza. Sì, perché dopo 16 mesi di cantiere verrà aperta la sede torinese delle Gallerie d'Italia. Le altre, quelle di Napoli, Vicenza e Milano, nel 2019 hanno ospitato ben 500.000 visitatori, ma l'ambizione di Torino è di staccare 200.000 biglietti entro due anni dall'apertura. 

Per farlo prima di tutto si differenzierà dalle altre Gallerie d'Italia per tematica, quella torinese infatti sarà interamente dedicata al mondo della fotografia che declinerà, attraverso progetti fotografici su commissione, temi sociali e ambientali. Non solo però, perché ci sarà anche spazio per l'esposizione delle collezioni fotografiche di proprietà di Intesa Sanpaolo.

Alla piazza sotterranea si potrà accedere da Piazza San Carlo, via XX Settembre e via Santa Teresa. In totale la superficie sarà di 9.000 metri quadri su tre piani sotterranei e uno in superficie. Non tutto lo spazio però verrà dedicato alle fotografie perché all'interno ci sarà anche un ristorante (forse stellato), un bookshop dedicato alla fotografia e una caffetteria che sarà gestita dal Caffè San Carlo. 

All’interno dei musei lavoreranno 25/30 ragazzi, oltre a una decina di impiegati della direzione arte e cultura di Intesa. Senza contare i dipendenti dei servizi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Torino, una piazza sotterranea sotto Piazza San Carlo: inaugurerà ad aprile | VIDEO

TorinoToday è in caricamento