Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una passeggiata nel parco contro il degrado del Valentino: "In mano a criminali e spacciatori"

È la prima iniziativa torinese del nuovo partito di Calenda, Azione

 

Sono convinti che la cittadinanza debba riappropriarsi del Parco del Valentino e per farlo hanno organizzato una manifestazione per sabato 7 dicembre. È la prima iniziativa torinese organizzata dal nuovo partito di Calenda e punta dritto il dito contro l'amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino, colpevole di aver lasciato cadere in disgrazia uno dei simboli della città. 

"Abbiamo deciso di fare sabato 7 dicembre alle 17 una camminata dentro il Parco del Valentino partendo dall'arco monumentale. Sono numerosi i casi di cronaca dove abbiamo sentito di tentati stupri, spaccio, violenze all'interno del parco. Solo il mese scorso davanti al club di scherma è stato picchiato un ragazzino per portargli via tutto l'equipaggiamento che aveva", racconta Fabrizio Pace, promotore della manifestazione.

Si concentrano su tre punti che sono anche tre richieste all'amministrazione: "Chiediamo all'amministrazione di occuparsi della sicurezza del Valentino con maggiori controlli; chiediamo che tirino fuori dal cassetto il master plan del 2014, quello del Polo della Cultura, che prevedeva l'inserimento della biblioteca civica a Torino Esposizione e delle aule universitarie del Politecnico dove oggi c'è Torino in Giostra; vogliamo esaminare anche il tema dei bandi delle licenze dei locali che non sono state rinnovate", continua Pace.

Sono tante le strutture all'interno del Valentino che oggi sono chiuse, vedi il Fluido e il Cacao. Nei mesi scorsi c'è stata anche una presa di posizione contro l'abbandono del Valentino da parte del club di scherma. "Dove c'è passaggio, presenza di persone, c'è anche controllo e meno criminalità. Oggi i locali sono abbandonati, sono un ritrovo per drogati e spacciatori. La nostra iniziativa vuole portare il più possibile menti attorno a un tavolo che propongano un futuro per il Parco del Valentino", conclude Pace. 

Alla manifestazione hanno aderito numerose associazioni e partiti politici. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento