Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Torino, infermieri e medici cantano dentro la terapia intensiva dell'ospedale per augurare 'Buon Natale'

La canzone si chiama 'Un po' d'amore'

Il 25 dicembre sarà Natale anche all'Ospedale Martini di Torino, il covid hospital che nelle settimane passate si è caricato sulle spalle l'emergenza covid a Torino per permettere alle altre strutture sanitarie di respirare e continuare a offrire ai cittadini la giusta assistenza sanitaria. Sarà Natale anche lungo quei corridoi e dentro i reparti di terapia intensiva che, nonostante se ne parli meno in questo periodo, sono ancora pieni di uomini e donne che lottano per la vita. 

Ed è da quelle corsie che arriva un messaggio di speranza e di serenità, un messaggio in musica voluto da Don Peppe e dai lavoratori dell'Ospedale Martini. Una canzone che ha un duplice obiettivo: rendere più sereno questo Natale e sostenere il progetto di "Radio White", un sistema radiofonico all'interno dell'Ospedale stesso che possa raggiungere i pazienti in ogni camera.

Nel video musicale infermieri, medici, oss dell'ospedale cantano ancora bardati di quei sistemi di protezione che sono diventati una seconda pelle. "Quando lavori in un ospedale covid sei pronto a qualsiasi cosa. Sai bene che il pericolo è dietro l'angolo, ma preferisci non pensarci. È come se in quel momento stessi anestetizzando un dolore nascosto coprendolo con un po' di bei ricordi passati. Ti accorgi di quanto sia importante lottare per rimanere attaccati alla vita e apprezzi ogni cosa: l'alba, i negozi addobbati, anche la pioggia diventa un modo per rendersi conto di essere vivi. Quando sei qui devi fare il carico di amore e un po' lo devi donare". Inizia così la canzone. 

E poi: "Questa sera torno a casa con un vuoto dentro al petto, penso a tutte quelle mani che anche oggi non ho stretto. Penso a tutte quelle facce sorridenti che ho incontrato, la divisa, la corsia, il percorso tratteggiato. Penso a quello che mi resta, a tutto quello che non ho; penso agli altri, agli ammalati. Un po' d'amore che da oggi donerò". 

Si parla di

Video popolari

Torino, infermieri e medici cantano dentro la terapia intensiva dell'ospedale per augurare 'Buon Natale'

TorinoToday è in caricamento