Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle OGR tornano gli eventi, il direttore artistico: "Un momento cruciale per cercare di rialzare la testa"

L'ingresso a tutte le mostre sarà gratuito

 

Tornano gli eventi alle OGR (Officine Grandi Riparazioni) di Torino. Dopo un lungo periodo di stop, durante il quale la struttura è stata anche trasformata in ospedale, dal prossimo 10 ottobre il pubblico potrà nuovamente godere degli spazi e dell'offerta culturale delle OGR. 

"È un momento cruciale per cercare di rialzare la testa. Il rischio è quello dell'immobilismo. Se non ci muoviamo adesso con un segno forte e contraddistintivo della nostra natura rischiamo di sederci e non avere la forza di rialzare la testa. Per questo è un momento cruciale per noi, per la città, per il sistema dell'arte e per il sistema Paese in generale", spiega Nicola Ricciardi, direttore artistico delle OGR Torino.

Come fare dunque a far coesistere gli eventi e la sicurezza? "Ho passato diverso tempo a viaggiare e a vedere cosa facevano i nostri vicini in Francia, Germania e Svizzera. Noto che da un lato l'esperienza si sta intensificando e ci sono dei protocolli condivisi. Ci si confronta su tecniche e procedure. Anche il pubblico però si sta abituando a programmare con anticipo la propria vita sociale e culturale. Sono contento che il mondo della cultura si sta adattando a quella che è la contingenza intorno a noi", continua Nicola Ricciardi, direttore artistico delle OGR Torino.

Un'anticipazione di come saranno le OGR che ripartono? "Posso dare delle linee guida. Vogliamo dare continuità al percorso tracciato in questi tre anni. Continueremo con l'arte contemporanea. Il problema è sicuramente quello di capire come fare con i concerti. In quel settore le linee guida non sono ancora ben definite e cambiano di mese in mese. Dobbiamo essere cauti e muoverci passo passo, ma una volta ripartiti credo che si andrà a riprendere la strada che avevamo segnato dal 2017 a oggi", conclude Nicola Ricciardi, direttore artistico delle OGR Torino.

La grossa novità delle OGR sarà che tutte le mostre a partire da sabato 10 ottobre saranno a ingresso gratuito, questo per avvicinare all’arte contemporanea nuovi e più ampi pubblici. Altra novità: nel weekend del 10 e 11 ottobre (dalle ore 10 alle 20) le OGR lanciano Continuum, un grande evento aperto a tutti che guarda al futuro in continuità con la mission delle rinate OGR, trasformate da Fondazione CRT in Officine di produzione e sperimentazione di creatività e innovazione. Il ricco programma di appuntamenti, dal vivo e in streaming, propone arte, musica, performance, visite guidate, incontri, attività didattiche e l’inaugurazione della mostra Unseen Stars di Trevor Paglen, curata da Ilaria Bonacossa con Valentina Lacinio.

Infine l’Aula Didattica (all’interno della “superfetazione” verde nella Corte Est), con la quale le OGR inaugurano un nuovo spazio per la formazione. Dal 14 ottobre, alle ore 18, inizieranno con cadenza mensile “I Mercoledì delle Officine”, incontri gratuiti in presenza e in streaming interattivo con i giovani imprenditori ex Talenti della Fondazione CRT, che metteranno a disposizione del territorio le proprie competenze. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento