Pianezza, dopo il furto il negoziante si aggrappa alla portiera dell'auto e viene trascinato per 40 metri

Aveva riportato ferite gravi. Due donne arrestate

Si era aggrappato al montante della portiera dell'auto delle due donne che lo avevano appena derubato per cercare di fermarle, ma queste sono partite lo stesso e lo avevano trascinato per quaranta metri. È l'epilogo di un furto avvenuto a Pianezza l'8 agosto 2020. 

Due donne, madre e figlia di origine rom, erano entrate dentro un esercizio commerciale. Si erano aggirate per il negozio e avevano fatto finta di essere lì per fare qualche acquisto. Nel mentre però avevano infilato all'interno delle proprie borsette alcuni capi di abbigliamento. Il titolare del negozio se ne era accorto e aveva intimato loro di restituire la merce, ma le due erano fuggite.

Qui era iniziata la seconda parte della vicenda. L'uomo le aveva inseguite e raggiunge appena erano salite in auto, si era aggrappato al montante della portiera, ma le due erano partite lo stesso trascinandolo e provocandogli ferite guaribili in 40 giorni.

I carabinieri della stazione di Pianezza, grazie all'analisi delle immagini delle telecamere di videosorveglianza e alla raccolta delle testimonianze di quanti avevano assistito ai fatti, sono riusciti a individuare le due donne e ad arrestarle. Per loro, nella mattinata di ieri, martedì 1 dicembre 2020, è scattata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con l'accusa di rapina impropria aggravata e lesioni personali aggravate in concorso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Pianezza, dopo il furto il negoziante si aggrappa alla portiera dell'auto e viene trascinato per 40 metri

TorinoToday è in caricamento