Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mu So, da migrante a rapper: «Con la musica aiuto i ragazzi di Barriera»

 

Si chiama Jacob Bamba, è nato in Guinea, ma vive in Barriera di Milano. È arrivato in Italia dopo la morte dei suoi genitori, quando aveva solamente undici anni. È stato a Napoli in un centro per minori fino alla maggiore età, poi è venuto a vivere a Torino. 

Si chiama Jacob, ma tutti lo conoscono con il suo nome d'arte Mu So. Nella vita fa il mediatore culturale e ha collaborato anche al progetto che è stato attivato nelle palazzine dell'ex villaggio olimpico da Città di Torino, Città Metropolitana di Torino, Regione Piemonte, Diocesi di Torino, Prefettura di Torino e Compagnia di San Paolo, ma la sua attenzione è soprattutto rivolta ai ragazzi di Barriera di Milano. 

Nel quartiere ha attivato un progetto che si chiama "Social Art - Inclusione a piccoli passi" attraverso il quale insegna ai ragazzi dagli 11 anni in sù l'educazione civica attraverso il rap. La musica come strumento di sensibilizzazione e diffusione di valori in un contesto, quello periferico, che non sempre riceve l'attenzione che meriterebbe. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento