Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Metro2, la battaglia dei sindaci: "Appendino ricordi che la metropolitana è di tutto il territorio, non solo Torino"

Presidio dei sindaci dell'area nord-est del torinese

 

Ventidue sindaci dell'area nord-est della Città Metropolitana di Torino per chiedere al Comune di inserire nel progetto definitivo della seconda linea della Metropolitana anche il livello che arriva a San Mauro Torinese. 

"Siamo qui oggi per chiedere che nel progetto definitivo della seconda linea della Metropolitana sia inserito anche il livello fino a Pescarito", spiega la sindaca di Settimo, Elena Piastra, "È necessario come volano ed è necessario per tutta l'area nord di Torino. I sindaci qui rappresentano i principali Comuni di quel territorio. Chiediamo all'Appendino di ricordarsi che è anche sindaca della Città Metropolitana e che la Metro 2 è stata finanziata per l'intera tratta e non solo per Torino". 

Piastra poi spiega per quale motivo vogliono che sia inserito il tratto nel progetto definitivo: "È fondamentale che nel progetto definitivo vi sia anche Pescarito e il punto di attestazione e di deposito altrimenti potrebbe capitare quel che normalmente capita nel nostro paese. Si farà la parte prevista nel definitivo e tutto il resto tra 40 anni. Pescarito in questo momento rappresenta un simbolo di un intero territorio, che è l'area nord di Torino, che negli ultimi 25 anni non ha visto investimenti infrastrutturali". 

Al presidio erano presenti esponenti di API, CNA, Giovani Imprenditori, Comitato Barca Bertolla e i sindaci, tra gli altri, di Sciolze, San Mauro, Settimo, Volpiano, Caselle, Borgaro, Mappano, Castiglione, Gassino, Rivalva, Chivasso e Baldissero. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento