Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Masters of Magic si farà, ma solo online: Torino perde un evento da due milioni di euro

A causa delle nuove norme per contenere il covid-19

 

Masters of Magic si farà solamente online e sarà un evento unico nel suo genere, ma per la città è certificata la perdita di un evento che - da dati della Camera di Commercio di Torino - l'anno scorso aveva portato due milioni di euro di ricadute sulla città. Annullata la parte dello spettacolo in presenza a causa delle nuove misure di contenimento del coronavirus previste dal decreto annunciato ieri sera, domenica 18 ottobre 2020, dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. L'evento in streaming si terrà dalla mezzanotte di giovedì 22 alle 4 di lunedì 26 ottobre.

Risorse, quelle stimate dalla Camera di Commercio, che erano finite nelle tasche non solo degli addetti ai lavori del settore dello spettacolo, ma anche in quelle di ristoratori, tassisti e albergatori. "L'anno scorso gli spettatori sono stati più di 3.000. Un bell'evento con delle belle ricadute per il nostro territorio, oltre che una cassa di risonanza e una visibilità notevole", spiega Guido Bolatto, segretario generale della Camera di Commercio di Torino. 

"Purtroppo ci siamo dovuti adattare a questo cambiamento e stiamo organizzando 100 ore di diretta in streaming con 10.000 maghi collegati da tutto il mondo. Sarà gratuito sul sito mastersofmagic.tv. Inoltre faremo una raccolta fondi per istituire delle borse di studio destinate ai giovani maghi, che sono quelli che stanno soffrendo di più", spiega Walter Rolfo, presidente di Masters of Magic. 

Come vede il futuro del settore dello spettacolo? "Credo che questo sia il momento dell'impresa sociale. In totale onestà non è conveniente fare nulla di tutto questo. Se pensate che un teatro va a pareggio con l'80% della capienza, se si lavora con il 20% non ha senso. Chiunque lavori in questo momento debba lavorare per fare girare l'economia. Noi organizzando questo evento aiutiamo chi fa streaming audio video, chi lavora con i musei, con i teatri, chi fa la produzione. Piccoli aiuti, ma i soldi che girano creano ricchezza. Dobbiamo mettere da parte gli interessi personali perché se non lo facciamo adesso non ci sarà società domani. Per stare a casa a lamentarsi fate qualcosa perché è l'unico modo per sperare che ci sarà un futuro pieno di magia e di emozioni", conclude, Walter Rolfo, presidente di Masters of Magic. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento