Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli antifascisti si radunano alla Gran Madre contro gli ignoranti che macchiano il Giorno della Memoria

Al presidio presenti ANPI, Comunità ebraica, CGIL e istituzioni

 

Si sono trovati all'ora di pranzo davanti alla Gran Madre per ribadire che Torino è una città antifascista. Erano un centinaio i cittadini che hanno partecipato al presidio organizzato in seguito alla scritta che è apparsa sul muro di casa della signora Maria Bigliani, pensionata di origine ebraica

"Crepa sporca ebrea", sono le parole che sono apparse ieri - lunedì 27 gennaio - di fianco alla porta d'ingresso dell'abitazione della donna. Sul fatto sta indagando la polizia. "Sono ignoranti e cattivi. Hanno scelto il giorno della memoria non a caso e mi dispiace che ci sia ancora gente del genere", racconta la donna.  

"Mariagrazia Sestero, presidente dell'ANPI, punta il dito invece sul moltiplicarsi delle sedi di movimenti dichiaratamente fascisti a Torino: "Alcuni mesi fa è stata aperta una sede in corso Allamano, un'altra in via Sestriere. Non è tollerabile". "Il clima politico nell'ultimo periodo è stato preoccupante. Certi comportamenti e posizioni espresse hanno sdoganato comportamenti che fino a qualche tempo fa erano sotto traccia e che ci si vergognava a esplicitare", racconta Dario Disegni, presidente comunità ebraica di Torino.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento