Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cicloamatore caricato da 5 cinghiali sulla strada in collina, il suo appello: "Facciano in modo che non si ripeta"

Il ragazzo denuncia l'assenza di una adeguata illuminazione sulla strada

 

Si chiama Marco Simone Gili ed è un cicloamatore torinese e ha vissuto una brutta avventura che ha voluto raccontare con la finalità di lanciare un appello pubblico. Il 1 ottobre era in sella alla sua bicicletta e stava percorrendo via dei Colli a Pino Torinese, era sera, quando è stato caricato da un gruppo composto da 5 cinghiali. 

"Pedalavo attrezzato con dispositivi di illuminazione a LED in questa strada scarsamente illuminata, poco frequentata dal traffico. Appena effettuata la svolta un gruppo di cinghiali che stavano "pascolando" sul lato destro in una specie di terrapieno a bordo strada, largo quanto un marciapiede, probabilmente spaventati dal mio passaggio, mi hanno letteralmente travolto dal lato destro passando alcuni davanti altri dietro me e la bicicletta, causando una rovinosa caduta sull'asfalto", racconta Marco.

"Ho riportato danni fisici che non hanno richiesto assistenza medica è ho subito danni all'attrezzatura sportiva: bicicletta, scarpe, vestiario.
Non vi erano testimoni, solo un'auto passata pochi minuti dopo l'accaduto, mentre mi ero spostato per valutare i danni", continua Marco che, oltre ad aver vissuto un 'brutto quarto d'ora' adesso deve fare i conti con il post incidente, ovvero con la problematica di non sapere a chi rivolgersi e come agire per richiedere i danni. 

È per questo che ha voluto lanciare un duplice appello. Il primo per chiedere che la strada sulla quale ha subito l'assalto venga meglio illuminata; il secondo per sensibilizzare su questa tematica anche le istituzioni. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento