Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Studenti in piazza: "Contro la riforma Lega-PD-5Stelle. Non saremo i vostri schiavi"

Nel mirino la riforma dell'alternanza scuola-lavoro

 

"Non saremo i vostri schiavi", scandendo questo slogan un centinaio di studenti torinesi questa mattina - venerdì 11 ottobre - sono scesi in strada per protestare contro il Governo e la decisione di approvare le linee guida sull'alternanza scuola-lavoro scritte dall'ex ministro della Lega Marco Bussetti. 

"Il nuovo Governo Lega-Movimento 5 Stelle-Partito Democratico ha approvato una riforma che ci vedrà tutti schiavi", hanno urlato durante il corteo i ragazzi. 

"Da oggi le scuole e le aziende potranno sfruttare gli studenti per un numero illimitato di ore durante l'alternanza scuola-lavoro senza dare diritti loro e senza un salario. Gli studenti fino a ora non possono dire nulla sui progetti. Vogliamo la garanzia di un tetto massimo di ore sui tre anni, vogliamo commissioni paritetiche docenti-studenti per scegliere i progetti di alternanza e vogliamo un salario per le ore lavorative" - racconta Pietro Mazzucco, vicepresidente della Consulta degli Studenti di Torino.

"Il lavoro non deve essere precarietà e sfruttamento, deve essere un lavoro con diritti e tutele per chi lavora. Le ore lavorative devono essere pagate. Non possiamo neppure pensare che l'alternanza venga utilizzata per abbassare i salari dei lavoratori" - continua Pietro Mazzucco, vicepresidente della Consulta degli Studenti di Torino.

Infine duro attacco anche nei confronti dell’esecutivo: "Fioramonti aveva promesso di dimettersi se non fossero stati stanziati almeno 3 miliardi a scuola e università. Ma ecco che il Governo, come i precedenti, si prepara ad attaccare ulteriormente l’istruzione pubblica. Oggi da studenti diciamo basta ai tagli, il ministro dia le proprie dimissioni" - continua Pietro Mazzucco, vicepresidente della Consulta degli Studenti di Torino. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento