Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

TAV, l'appello a Salvini dalla piazza: "Deve decidere, è al Governo"

 

Sono nuovamente riuscite nell'impresa. Le sette madamine torinesi sono state in grado di riempire ancora una volta - dopo la prima manifestazione del 10 novembre scorso - piazza Castello a Torino e lo hanno fatto per ribadire che il Governo si deve sbrigare a dare una risposta sul futuro dell'opera

In piazza c'erano tutti. Cittadini sì, ma anche moltissimi esponenti politici di primo piano. Il più atteso era Riccardo Molinari, capogruppo della Lega e segretario regionale del partito in Piemonte, che ha ribadito il sostegno di Salvini all'opera. Per i leghisti se il risultato dell'analisi costi-benefici dovesse indicare uno stop all'opera allora si dovrebbe chiedere il parere dei cittadini con un referendum. 

Referendum che però non è necessario per le opposizioni. Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha ribadito che la politica deve scegliere e lo stesso ha fatto Maurizio Martina, ex segretario del PD e candidato alla prossima segreteria nazionale: "Quando si Governa non ci si può comportare come un cittadino comune. Devono avere l'onestà di dire parole chiare. Devono dire Sì alla TAV e non forse". 

"Noi chiediamo a Salvini di dire Sì a piazza Castello e Sì TAV a Palazzo Chigi" - ha dichiarato Anna Maria Bernini, capogruppo di Forza Italia al Senato. In piazza anche Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte: "A questo punto tocca al governo decidere e in fretta, senza menare ancora il can per l’aia, perché ci sono tutte le condizioni per farlo. La Lega, che ha partecipato alla manifestazione con illustri esponenti, è forza centrale di governo, si assuma la responsabilità di far decidere in fretta. Non può scendere in piazza a Torino e fare melina a Roma, la sua partecipazione alla manifestazione apparirebbe solo come un banale sotterfugio per non perdere consensi".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento