Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Torino, infermieri in piazza: "Siamo passati da eroi a untori". E dedicano un minuto di silenzio ai colleghi morti

Chiedono un sistema contrattuale autonomo

 

Hanno spezzato le catene che li tengono uniti a livello contrattuale alle altre categorie del mondo della sanità, ma anche un garofano bianco nel giorno dedicato ai defunti per ricordare i loro caduti. Sono gli infermieri del sindacato Nursing Up Piemonte che questa mattina, lunedì 2 novembre, hanno manifestato davanti alla Prefettura di Torino, e in tutta Italia, per chiedere una contrattualizzazione separata e quegli aumenti economici che aspettano da anni. 

"Abbiamo chiesto di non essere più fantasmi. Vogliamo essere partecipi al sistema e che ascoltino quel che hanno da dire gli infermieri", spiega Claudio Delli Carri, segretario regionale del Nursing Up Piemonte, "Vogliamo un riconoscimento economico. Dobbiamo uscire dal comparto che ci appiattisce. Gli infermieri in Italia hanno uno stipendio medio di 1.500 euro, a differenza degli stipendi degli altri colleghi europei che sono quasi il doppio". 

Sul lockdown immediato chiesto dall'Ordine dei Medici: "Siamo d'accordo con l'Ordine dei Medici di Torino sul lockdown immediato. È ora che il Governo prenda decisioni drastiche per fermare questa onda che sta crescendo", ha concluso Delli Carri. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento