Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non vogliamo il Suk sotto casa": in cento contro il mercato del libero scambio

Degrado, accampamenti, sporcizia i motivi della protesta

 

Erano un centinaio e determinati ad avere a tutti i costi una risposta dal Prefetto di Torino. Sono i residenti e commercianti che questo pomeriggio - giovedì 3 ottobre - si sono riuniti davanti la Prefettura per protestare contro il Suk, il mercato del libero scambio che si trova in San Pietro in Vincoli e nel Canale dei Molassi. 

La manifestazione, autoconvocata e organizzata da commercianti e residenti, è partita dal Cortile del Maglio da dove i manifestanti sono partiti per andare in Prefettura. Arrivati all'imbocco di Piazza Castello hanno srotolato i manifesti e sono entrati dentro la piazza in corteo. Una volta davanti alla Prefettura hanno dato sfogo alla loro rabbia contro la sindaca Chiara Appendino e il Prefetto di Torino. 

I motivi principali del loro disagio sono l'abusivismo, la sporcizia e gli accampamenti del sabato notte da parte dei venditori per prenotarsi lo spazio. 

I residenti di Porta Palazzo e Borgo Dora che si sono riuniti nell'Associazione Fuori di Palazzo - Comitato Oltredora, quelli che storicamente sono favorevoli al Suk, intanto rispondono dicendo: "Il mercato del libero scambio va sostenuto, va difesa la sua storica collocazione, ovviamente all’interno della legalità. Compito dell'Amministrazione è tornare ad una regolamentazione chiara e funzionale a mantenere il libero scambio nei luoghi e nei tempi predefiniti, garantendo che l'attività sia compatibile con le esigenze dei residenti. Noi residenti a Porta Palazzo e Borgo Dora vogliamo che si trovino soluzioni condivise che permettano al libero scambio di rimanere nella sua sede storica".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento