Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia di Luca, in sciopero della fame perché rivuole il suo lavoro

 

È seduto su una sedia pieghevole posta a lato del monumento al Conte Verde che si trova di fronte all'ingresso del Comune di Torino in piazza Palazzo di Città. Di fianco a lui un grosso striscione con scritto: "Ridatemi il mio lavoro - Sciopero della fame". 

Da lunedì pomeriggio alle 15.30 Luca Incarnato non mangia e invoca attenzione. Chiede che politica e istituzioni si interessino alla sua vicenda umana. Dice che l'anno scorso gli assessori comunali Alberto Sacco e Alberto Unia gli avevano promesso che si sarebbero attivati per aprire un confronto con la SMAT. Quell'incontro però non è mai avvenuto.

Sì, perché Incarnato è un ex dipendente della SICEA, una ditta satellite della SMAT che si occupava della manutenzione degli impianti idrici. A cavallo del 2013 però la SMAT decide di internalizzare i servizi che fino a quel momento aveva dato in appalto. 

Cinque dipendenti di SICEA non vengono riassorbiti da SMAT. Per lui l'inserimento in una clausola speciale sul protocollo d'intesa e una nuova destinazione a letturista di contatori per una nuova ditta appaltatrice, ma Incarnato nel 2009 ha subito un incidente sul lavoro che ha limitato le sue capacità e non può svolgere quella mansione. 

Dal maggio del 2017 è senza sussidi e lavoro. In quel momento comincia la sua protesta, ma a un anno di distanza ancora nessuna soluzione. L'uomo non è intenzionato a mollare e, dice, che rimarrà in piazza palazzo di città, giorno e notte, fino a quando non avrà le risposte che vuole. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento