Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un lenzuolo bianco ai balconi": la protesta contro il cantiere (infinito) della metropolitana

 

"Appendete un lenzuolo bianco ai vostri balconi per Nizza Millefonti" - chiedono un sussulto di orgoglio agli altri cittadini del proprio quartiere e lo fanno perché sono stufi del degrado che ha colpito l'intero territorio da quando è stato aperto il cantiere della linea 1 della Metropolitana. 

Dal 2012, anno in cui sono iniziati i lavori per la realizzazione delle fermate della metro, quel territorio ha subito tanti danni e pochi vantaggi. Danni ai quali vanno aggiunti anche quelli derivanti da un alto grande cantiere irrisolto di Torino, quello per la realizzazione del grattacielo della Regione Piemonte. 

Vitale Pinelli e Salvatore Conte hanno preso in mano la situazione e hanno lanciato una mobilitazione popolare che parte da una raccolta firme, passa per l'invito ai cittadini di appendere lenzuola bianche ai propri balconi in segno di protesta e sfocerà in un corteo che stanno organizzando. 

"Nizza Millefonti era un quartiere importante" - raccontano con un briciolo di nostalgia loro che quel territorio lo hanno vissuto sin da bimbi - "Adesso le istituzioni sembrano averlo dimenticato. Chiederemo di avere risarciti i danni che abbiamo subito". Il cantiere non è solo un problema per la viabilità, ma lo è anche per il commercio e per la sicurezza: "Si sono creati bivacchi attorno al cantiere, specialmente in piazza Bengasi". E maggior sicurezza, oltre che il risarcimento danni, è una delle richieste che fanno con maggior insistenza. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento