rotate-mobile

Le lavoratrici della mensa contro la Regione: "Ci avete dimenticato"

In presidio davanti al Consiglio regionale del Piemonte per chiedere alla politica di attivarsi per dare loro certezze e stabilità. Le lavoratrici della mensa universitaria Borsellino di Torino hanno alzato la voce e lo hanno fatto perché, scrivono in una nota, "hanno aspettato pazientemente la risoluzione dei problemi legati alla possibile chiusura della mensa, cercando il dialogo con EDISU, con il Politecnico, con gli assessorati al Lavoro e al Diritto allo Studio della Regione Piemonte, ma a oggi tutti gli attori interessati non sono andati oltre un tiepido interessamento, senza dare alcuna risposta". 

Le dipendenti della mensa che rischiano il posto di lavoro sono dieci. La struttura è privata ma, tramite convenzione, eroga il servizio mensa universitario. La convenzione però è in scadenza il 31 luglio, e l'azienda verso la quale i dipendenti dovrebbero fare rientro nel frattempo è fallita. Le lavoratrici dunque a fine mese saranno senza lavoro.

"Siamo ormai agli sgoccioli della chiusura estiva - afferma Roberto Porrari della Filcams Cgil - e purtroppo dobbiamo riscontrare una totale assenza di interesse. Nessuna istituzione si è fatta carico del problema, né ha considerato i disservizi che la chiusura di una struttura che eroga 500 pasti al giorno provocherà, sovraccaricando le mense esistenti". 

Video popolari

TorinoToday è in caricamento