Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Conte a Cirio, le promesse mancate ai lavoratori dello spettacolo: che fine hanno fatto i bonus?

Sabato 27 manifestazione a Roma e flash mob a Torino

 

Era il 13 maggio quando il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, prometteva durante l'ennesima conferenza stampa che ci sarebbe stato un bonus anche per i lavoratori dello spettacolo, ma a 45 giorni di distanza ancora nulla. Le domande che sono state presentate all'INPS sono tutte in attesa di esito. Una promessa - che rappresentava anche una boccata di ossigeno per lavoratori e lavoratrici che non incassano un euro da febbraio e che rischiano di non poter tornare a lavorare per ancora molto tempo - che non è stata mantenuta. 

Promessa al momento mancata anche quella dell'assessora alla Cultura della Regione Piemonte, Vittoria Poggio. L'8 giugno infatti - 17 giorni fa - al termine di un incontro con una delegazione di lavoratori e lavoratrici aveva dichiarato: "Per loro come Regione abbiamo istituito un fondo di solidarietà per il settore della cultura che può dare loro un bonus per la ripartenza. Sarà un riconoscimento a fondo perduto che verrà erogato in seguito a una domanda a sportello che sarà erogata da Finpiemonte". Fondo che era stato quantificato in 3 milioni di euro. Da quel giorno però di questo contributo non si è più saputo nulla. 

"Le nostre domande per ottenere il bonus promesso dal Governo sono bloccate a Roma perché vengono processate dalla sede centrale dell'INPS. Oggi grazie alla mobilitazione e al fatto che siamo qui in tanti abbiamo ottenuto una posizione ufficiale da parte dell'INPS di Torino che si farà carico delle nostre istanze e il direttore ci ha assicurato che ci metterà la faccia", ha spiegato Elio Balbo del coordinamento Lavoratori e Lavoratrici dello Spettacolo Piemonte. Una delegazione di questi questa mattina, giovedì 25 giugno, è stata ascoltata dai vertici dell'INPS piemontese. 

Per quanto riguarda invece le risorse promesse dalla Regione Piemonte Elio Balbo spiega: "A oggi non c'è stata alcuno comunicazione ufficiale per quanto riguarda lo sbandierato bonus solidarietà cultura annunciato dall'assessora Poggio". Risorse che dovrebbero servire per affrontare l'emergenza economica, ma di cui questi lavoratori non sanno ancora nulla. 

Cosa sta mancando nell'interlocuzione che questi lavoratori hanno messo in atto negli ultimi mesi? "Secondo noi a livello regionale manca la volontà e la capacità politica di farsi carico di un problema grosso che riguarda noi lavoratori. Le interlocuzioni sono state cordiali e le promesse ci sono state, ma noi non ci dimentichiamo di niente, nel senso che all'inizio di luglio abbiamo appuntamento con la Regione Piemonte e ci faremo sentire", conclude Elio Balbo del coordinamento Lavoratori e Lavoratrici dello Spettacolo Piemonte. 

Intanto sabato 27 una delegazione di una trentina di lavoratori andrà a Roma per la manifestazione in piazza Santi Apostoli. Contemporaneamente alle 14 a Torino si terrà in piazza Carignano un flash mob. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento