Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ladri specializzati in furti in appartamenti della zona collinare: arrestati

 

Sono due i ladri arrestati e finiti in carcere a seguito di un’articolata attività di indagine. Ai malviventi sono contestate una rapina e tre furti aggravati, tutti commessi in abitazioni della zona collinare di Torino in orario notturno. Si tratta di un bosniaco 36enne, pregiudicato, già sottoposto al divieto di dimora nel Comune di Torino, e di un 43enne italiano di Moncalieri. 

Nel filmato si assiste ad uno dei furti avvenuto in casa di un orafo. Qui avevano rubato diversi oggetti di valore e le chiavi del laboratorio orafo dell’uomo dove i ladri, un’ora dopo l’irruzione in casa, tentavano di aprire il negozio con le chiavi appena rubate. Non sono riusciti nell’intento in quanto il locale era dotato di antifurto nebbiogeno che li ha costretti alla fuga. 

Il modus operandi

Si introducevano all’interno delle abitazioni mentre i proprietari dormivano per neutralizzarli e successivamente impossessarsi degli oggetti preziosi presenti in casa e delle chiavi delle autovetture con cui poi si davano alla fuga. In un caso è stato anche riscontrato l’utilizzo di un gas narcotizzante.

I prelievi al bancomat

I due malviventi erano soliti fermarsi, nella stessa notte in cui commettevano i furti, presso vari sportelli bancomat di istituti bancari per effettuare dei prelievi fraudolenti con le carte bancomat sottratti alle vittime. 

La cattura 

La loro identificazione è avvenuta grazie all’analisi di numerose immagini estrapolate nei dintorni delle abitazioni delle vittime e di quelle registrate in occasione dei prelievi presso gli sportelli bancomat. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento