Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A fuoco i presepi di due chiese, preso il piromane: è una senzatetto

Non ha saputo spiegare perché

 

È una donna il piromane che nella serata di sabato 4 gennaio a Ivrea ha causato gli incendi divampati all'interno delle chiese di San Maurizio e San Salvatore. Gli incendi all'interno delle due chiese sono stati appiccati a distanza di pochi minuti. I due luoghi sacri si trovano a circa 300 metri l'uno dall'altro, nelle centralissime via Arduino e via Palestro.

La donna, una clochard italiana di 46 anni, è stata fermata e denunciata per danneggiamento a seguito di incendio. Ha confessato di essere l'autrice di quanto accaduto anche se non ha saputo spiegare il perché lo ha fatto. Ha già dei precedenti proprio per incendio doloso.

Le fiamme, nella chiesa di San Maurizio, hanno distrutto il presepe, un quadro, due tavole dipinte e la copertura della fonte battesimale. A limitare i danni è stato l’immediato intervento del parroco, aiutato da alcuni fedeli e dai vigili del fuoco. Nella chiesa di San Salvatore, invece, la piromane ha appiccato il fuoco al drappo in tessuto che ricopriva l’altare.

La donna è stata rintracciata dagli agenti del commissariato di polizia di di Ivrea e Banchette nei pressi dell’ospedale ed era stata riconosciuta grazie alla visione delle immagini degli impianti di videosorveglianza della chiesa di San Salvatore e del Comune. Le telecamere hanno ripreso la piromane mentre appiccava le fiamme al drappo dell’altare.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento