Domenica, 26 Settembre 2021

Chi sono e cosa hanno detto i manifestanti 'no pass' davanti Porta Nuova: "Non sono no vax, ma.."

In totale erano una trentina

"Non sono 'no vax', ma di questo vaccino non mi fido". È questo il motivo ricorrente che i manifestanti che si sono riuniti questo pomeriggio, mercoledì 1 settembre, davanti alla stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova hanno scandito con insistenza.

Erano pochi, solamente una trentina. Il motivo, secondo Marco Liccione, il volto ormai consueto di quasi tutte le proteste che si sono succedute nell’ultimo anno a Torino, sarebbe l'insistente campagna di 'terrorismo mediatico' che i giornali avrebbero scatenato contro i green pass. 

Giornalisti che vengono visti con diffidenza dai manifestanti che più volte hanno ribadito che la categoria non racconterebbe in modo corretto la loro protesta. Protesta che è stata pacifica: nessun manifestante ha tentato di entrare dentro la stazione ferroviaria per bloccare i treni in partenza. Anche perché l'accesso a Porta Nuova questo pomeriggio era blindato. 

Unica entrata aperta quella di via Sacchi, le altre chiuse e presidiate dalle forze dell'ordine. Dato interessante: la manifestazione di questo pomeriggio sarebbe stata convocata da un gruppo di attivisti no green pass differente da quelli che si sono riuniti nel piazzale davanti a Porta Nuova. Liccione ha spiegato che loro si sono presentati per evitare strumentalizzaioni e prendere le distanze dalle manifestazioni violente; poi ha solidarizzato con il giornalista che è stato aggredito nei giorni scorsi. 

Si parla di

Video popolari

Chi sono e cosa hanno detto i manifestanti 'no pass' davanti Porta Nuova: "Non sono no vax, ma.."

TorinoToday è in caricamento