Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la puntata di Report insorgono gli infermieri: "Noi contagiati al mercato? Irrispettoso davanti ai nostri morti"

Chiedono le dimissioni di Gianfranco Zulian, responsabile del settore emergenza COVID 19 del Piemonte

 

Le parole di Gianfranco Zulian, responsabile del settore emergenza COVID 19 del Piemonte, durante la trasmissione televisiva Report andata in onda ieri sera, lunedì 23 novembre, hanno scatenato la rabbia degli infermieri piemontesi. A parlare Francesco Coppolella del sindacato NurSind Piemonte e Giuseppe Summa, coordinatore torinese dello stesso sindacato. 

"Chiediamo rispetto. In queste ore abbiamo colleghi ricoverati in terapia intensiva, che hanno contagiato i parenti a casa, o che sono addirittura morti. Zulian ci ha mancato di rispetto, avrebbe fatto meglio a stare zitto". A dirlo Giuseppe Summa, coordinatore torinese del NurSind, uno dei sindacati degli infermieri. 

A finire nel mirino il passaggio dell'intervista di Zulian dove si fa comprendere che gli infermieri non si sarebbero ammalati in ospedale: "Alla richiesta di chiarimenti in merito ad un numero cosi elevato di personale sanitario contagiato negli ospedali piemontesi ha fatto chiaramente intendere che queste non sono avvenute in ambito professionale. Secondo l’illustre dottore potremmo aver contratto il virus al mercato", spiega Francesco Coppolella. 

"Sono dichiarazioni irresponsabili. Non solo chiediamo le sue dimissioni, ma chiediamo a Cirio di prendere le distanze perché non si può negare la realtà. Riteniamo le parole di Zulian un'offesa a tutti gli operatori sanitari che si stanno battendo ogni giorno da marzo in questa emergenza. È una mancanza di tatto e sensibilità", conclude Coppolella. 

 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento