Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Apre la nuova moschea: un punto di ritrovo per i musulmani

Dopo le polemiche

 

È stata inaugurata nel pomeriggio di oggi, sabato 26 ottobre 2019, la moschea e centro culturale islamico La Palma in via Aquila angolo corso Umbria.

Arriva dopo un anno di lavori e qualche polemica (inizialmente la moschea era stata ritenuta abusiva ma poi fu riaperta e autorizzata insieme ad altre due) e aderisce alla Federazione islamica del Piemonte e alla Confederazione islamica italiana. All'interno vi sono decorazioni, ceramiche e stucchi opera di artigiani musulmani residenti in città.

All'inaugurazione era presente anche l'assessore alle pari opportunità Marco Giusta. 

Il nome La Palma è dovuto alla grande palma che è stata fatta crescere nel cortile.

Il messaggio inaugurale

"Sala di preghiera, centro culturale e spazio di incontro aperto a tutta la cittadinanza, la Moschea della Palma si distingue come uno dei primi luoghi di culto e di cultura islamica in Italia le cui decorazioni interne siano interamente ispirate all'estetica tradizionale dell'Islam classico.

Fedelmente a questa ispirazione, la Moschea della Palma intende porsi come luogo di coltura delle virtù spirituali dell'Islam tradizionale, come presidio culturale contro ogni estremismo ed intolleranza, come spazio comune per la promozione dei valori civili e del dialogo interculturale ed interreligioso – cioè, come un'oasi di Pace nel cuore di Torino. 

L'inaugurazione aprirà formalmente la Moschea alla frequentazione dei fedeli ed all'accoglienza dei visitatori, illustrando brevemente la storia della struttura e le attività che vi si renderanno disponibili – tanto in loco quanto in collaborazione con gli enti e le associazioni della società civile cittadina". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento