Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inizia il Ramadan che a Torino è "Green": la comunità islamica pianta nuovi alberi in un parco

 

Mobilitarsi per salvaguardare l'ambiente che è la "casa comune" di ognuno di noi. È questo il presupposto dal quuale sono partiti i giovani di Partecipazione e Spiritualità Musulmana di Torino, in collaborazione con l’Associazione Islamica delle Alpi e le moschee torinesi di Taiba e Rayan, per lanciare una campagna di educazione e protezione ambientale rivolta alla comunità musulmana e a tutta la cittadinanza torinese. 

La campagna avrà luogo durante il mese del Ramadan e si chiama appunto Green Ramadan. La campagna mira a stimolare una riflessione critica su stili di vita e di consumo, e su come questi contribuiscono all’attuale crisi ambientale. 

La campagna prevede in modo particolare le seguenti azioni:
1. L’abbandono totale, nelle due moschee Taiba e Rayan, dell’utilizzo della plastica monouso, che è uno dei principali inquinanti nel mondo, e la sua sostituzione con materiale biodegradabile da utilizzare nelle cene comunitarie di rottura del digiuno organizzate nella moschea.
2. La riduzione dello spreco alimentare e la realizzazione della raccolta differenziata per i rifiuti generati nelle due moschee.
3. Il lancio di un progetto di piantumazione di nuovi alberi nel Parco Dora di Torino, per cui verranno raccolti i fondi durante il grande evento di Moschea Aperta e Iftar in Via, che si terrà il prossimo 2 giugno, in collaborazione con Legambiente. La scelta del Parco Dora deriva dal legame che la comunità musulmana torinese ha stabilito con questo spazio cittadino, che è da molti anni la sede e la cornice delle grandi celebrazioni delle festività di fine Ramadan e del Sacrificio.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento