Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla TAV interviene Delrio (PD): "Salvini a Chiomonte in gita, faccia valere il suo ruolo"

 

Un esposto alla Corte dei Conti per verificare se lo stop alle gare della Torino-Lione configuri un danno erariale. Lo ha annunciato Graziano Delrio, capogruppo del Partito Democratico alla Camera dei Deputati, durante una conferenza stampa che si è tenuta questa mattina - giovedì 31 gennaio - presso la sede del PD a Torino. 

Delrio ha ricordato che per Telt, la società incaricata di realizzare la Tav, "ogni mese di ritardo comporta un costo di 75 milioni di euro": "Al di là delle chiacchiere, rischiamo di perdere i finanziamenti che abbiamo già ricevuto e soprattutto i ritardi nei lavori costano decine di milioni di euro ai contribuenti italiani ed europei".

Poi un duro attacco a Matteo Salvini, ministro dell'Interno, che domani sarà in Piemonte per visitare il cantiere della TAV: "Non è facendo le gite in Piemonte che si sbloccano i lavori, è facendo il proprio mestiere: Salvini deve fare semplicemente il suo mestiere, è il vicepremier non l'usciere di Palazzo Chigi. Non si trovano a Palazzo Chigi per scrivere dei foglietti da sventolare sul balcone o per fare dirette Facebook, si trovano lì per decidere in base alle loro competenze. Matteo Salvini ha uno strumento molto semplice per sbloccare i lavori della Torino-Lione: andare in Consiglio dei ministri e dire che il consiglio dei ministri deve dare l'ordine al ministro Toninelli di sbloccare i lavori".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento