Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Borgaro, il delirante video-appello del medico negazionista: tra pseudo pandemia e vaccini fatti con feti di aborti

 

Si chiama Giuseppe Delicati ed è un medico di base che opera a Borgaro, dice di essere un ex ufficiale medico dell'aeronautica militare e nei giorni scorsi ha pubblicato sui social network un appello a tutti i suoi colleghi che operano in ambito di medicina territoriale. A loro ha lanciato un invito relativo alla prossima campagna di vaccinazione anti influenzale: "Rilevata un'interazione tra il vaccino anti influenzale e il covid-19. Si sa con certezza da un sito del Pentagono che il virus del coronavirus subisce un'attivazione per azione del vaccino anti influenzale", dice il medico.

Non solo però perché poi continua spiegando che tutti i morti di Bergamo sarebbero risultati vaccinati. Il medico aggiunge anche che avrebbe presentato due richieste alla sua ASL di riferimento per poter chiedere chiarimenti su questa presunta interazione. "Faccio questo video per sensibilizzarvi tutti dato che questo vaccino viene sollecitato con largo anticipo", continua. Poi nel video parla anche di pseudo pandemia negando la portata del contagio da covid-19 nel mondo. 

Dichiarazioni forti che vanno nella direzione del negazionismo. Il sindaco di Borgaro, Claudio Gambino ha commentato la vicenda: "Si tratta di un fatto molto grave, reso ancora più serio dal fatto che il protagonista è un medico che dovrebbe tutelare la salute dei propri pazienti invece di diffondere notizie false e pericolose. I medici godono della fiducia dei propri pazienti e diffondere certe notizie, soprattutto tra le persone anziane, può portare a un pericolo per la popolazione. Credo che le autorità competenti che sono già state avvisate debbano fermarlo e fare in modo che non continui in questi comportamenti scellerati". 

I carabinieri del Nuclei Antisofisticazione e Sanità hanno aperto un'indagine sul medico e anche l'Ordine dei medici di Torino si è attivato segnalando l'accaduto all'Ordine dei medici di Macerata.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento