rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022

Torino, superato l'esame Giro d'Italia: il primo grande evento dell'era covid si è svolto in sicurezza

In piazza i lavoratori ex Embraco

La prima tappa del Giro d'Italia 2021 che è partita da Torino è filata liscia. Tutto è andato nel verso giusto. I torinesi hanno risposto alla chiamata della kermesse rosa, ma il pericolo assembramenti è stato sventato.

Si è svolta, tutto sommato, in sicurezza la prima tappa cittadina del Giro d'Italia 2021. In Piazza Castello e su tutto il tracciato della cronometro individuale cittadina si sono schierati con ordine e senza accalcarsi le due ali di spettatori. Tutti con mascherina. In corso San Maurizio erano pochi e distanziati gli spettatori della gara, idem in Piazza Vittorio e all'arrivo. Nessun bagno di folla o maxi assembramento in stile festa scudetto dell'Inter o come in occasione del passaggio delle Frecce Tirolore su Torino. 

Le proteste

Un giorno di festa e un palcoscenico per Torino, ma anche un'occasione per chi aveva bisogno di visibilità. In testa su tutti i lavoratori dell'ex Embraco di Riva di Chieri che hanno sfilato in corteo da Piazza Solferino fino in Piazza Castello e poi hanno affisso un loro striscione a pochi metri dalla partenza. 

I lavoratori in questione hanno ricevute le lettere di licenziamento. Il Governo, la Regione e il curatore fallimentare hanno tempo fino a luglio per dare a gambe al progetto Italcomp che dovrebbe assicurare ai 400 lavoratori la ricollocazione. In Piazza Castello una delegazione di questi ha incontrato il Governatore Alberto Cirio. 

Folta anche la delegazione dei cittadini colombiani residenti a Torino che hanno manifestato contro le violenze che il Governo della Colombia starebbe perpetuando nei confronti della popolazione. 

Video popolari

Torino, superato l'esame Giro d'Italia: il primo grande evento dell'era covid si è svolto in sicurezza

TorinoToday è in caricamento