Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Dalle auto blindate destinate alla Questura di Torino ai trattori: in totale 30 colpi, 4 arrestati

Per un valore di 800.000 euro

 

Ci sono voluti dodici mesi di intense indagini, ma alla fine gli uomini della Polizia Stradale sono riusciti a sgominare un articolato sodalizio criminoso dedito al furto e al riciclaggio di trattori agricoli e macchine operatrici che poi venivano esportate in Romania. 

La banda era composta da 6 persone, quattro di loro sono finite in manette mentre 2 sono ricercate. A questi vengono contestati 44 capi di imputazione; è stato stimato che il valore commerciale complessivo della loro attività criminale ammonta a circa 800.000 euro. I quattro adesso sono al carcere di Ivrea.

Le indagini hanno inizio quando la banda criminale nell'aprile del 2018 ruba da un deposito quattro Alfa Romeo modello Giulia blindate già allestite con sirena bitonale e lampeggiante e destinate alla Questura di Torino. Una di queste viene ritrovata a Settimo Torinese. Da qui le indagini che durano oltre un anno.

Il gruppo criminale, che era capeggiato da un 58enne di Ivrea, agiva con la complicità del buio e durante le ore serali e di notte si introduceva presso cantieri, aziende agricole o attività commerciali specializzate in rivendita di macchine operatrici e trafugava escavatori e macchine per il movimento della terra. Mezzi che poi venivano rivenduti in Romania.

In totale vengono contestati circa 30 furti effettuati dall'aprile del 2018 al giugno del 2019. I quattro agivano nel torinese, vercellese, astigiano e biellese. Durante le perquisizioni la Polizia Giudiziaria ha sequestrato due veicoli, materiale utile per contraffare targhe automobilistiche e radio trasmittenti, inibitori di segnale, lampeggianti blu in uso alle forze dell’ordine, palanchini e attrezzi artigianali utili per aprire e forzare serrature di ogni genere.

Inoltre sono state trovate anche tre colonnine per l’erogazione di energia elettrica e acqua potabile che erano state rubate al Comune di Strambino nel novembre del 2018. La banda li aveva sradicati dal marciapiede. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento