Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Svaligiavano appartamenti e fotografavano le vittime: 79 colpi in nove mesi, quattro arresti

 

In nove mesi avrebbero messo a segno ben 79 colpi. Prima saccheggiavano l'appartamento e poi, un attimo prima di andare via, scattavano una fotografia ricordo alle vittime che stavano dormendo. Sgominata dai carabinieri della compagnia di Pinerolo una banda di topi d'appartamento che da marzo a novembre 2018 ha messo paura in numerosi comuni: Bricherasio, San Germano Chisone, Luserna San Giovanni, Lusernetta, Perosa Argentina, Pinasca, Cuorgné, Colleretto Castelnuovo, Villar Perosa, Pont Canavese, Sparone e Susa, e molti altri nelle province di Cuneo e Asti. 

Le abitazioni che saccheggiavano dovevano essere isolate e per sottrarsi ai controlli di polizia percorrevano sentieri del bosco dopo aver lasciato le autovetture intestate a prestanomi a chilometri di distanza. Nulla li fermava, neppure la presenza dei legittimi proprietari, anzi, una volta finito il lavoro come trofeo e ricordo della serata del furto fotografavano le vittime a letto che dormivano.

In manette sono finite quattro persone - tre albanesi e un italiano - e altre due sono state fermate. Per queste ultime l'accusa è di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti in abitazione, di autovetture e ricettazione. Nel corso delle indagini sono state recuperate e restituite ai legittimi proprietari 10 automobili e pistole utilizzate dalla banda durante i colpi. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento