Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultimo saluto alla donna vittima di piazza San Carlo: la sindaca in lacrime

 

Chiara Appendino non è riuscita a trattenere la commozione e dopo aver abbracciato i figli di Marisa Amato ha ceduto alle lacrime. La sindaca oggi - mercoledì 6 febbraio - al Santuario di Santa Rita c'era ed era in prima fila insieme alle altre autorità. 

La chiesa era gremita di gente che ha voluto dire addio a Marisa Amato - la donna, morta nei giorni scorsi - che rimase paralizzata in seguito alle ferite riportate il 3 giugno 2017, vittima del caos scoppiato in piazza San Carlo durante la finale di Champions League giocata dalla Juventus. 

Prima dell'omelia di don Roberto Zoccalli è stato letto un messaggio dell'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia. Le sue sono parole che non sono passate sotto traccia: "Il signore susciti, in chi ha determinato con il suo comportamento la tragedia di piazza San Carlo, un sussulto di dignità e di rimorso delle coscienze. Un sussulto che sfoci nell'assunzione delle proprie responsabilità, riconosciute davanti alla giustizia umana che è condizione necessaria per ottenere la misericordia di Dio".

"Condivido le parole di Nosiglia e dovremo farne tesoro tutti. A perdonare ci proveremo" - ha detto al termine del funerale il fratello della donna, Francesco Amato. "Nostra madre è la fonte della forza che abbiamo. Adesso continueremo con il suo desiderio di aiutare chi si trova nella stessa condizione in cui si trovava mia madre" - ha detto al termine del funerale Danilo, il figlio di Marisa Amato. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento