Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, scoperta maxi-frode: importate illecitamente oltre 400mila mascherine

Avevano trovato il sistema per aggirare la dogana

 

In pochi giorni ha importato illecitamente e immesso in commercio centinaia di migliaia di mascherine. Un 36enne cinese, titolare di numerosi negozi a Torino, è stato denunciato per contrabbando aggravato, falso in atto pubblico, ricettazione, frode in commercio dalla guardia di finanza ai primi di aprile 2020 al termine di un operazione svolta in collaborazione con la polizia locale e con l'Agenzia delle dogane.

Secondo gli investigatori, approfittando dell'emergenza, avrebbe importato dalla Cina diversi containers di mascherine fornendo alla dogana false dichiarazioni (in particolare classificandole come 'capi di abbigliamento') con il solo fine di garantirsi uno svincolo rapido delle merci e, soprattutto, di superare eventuali operazioni di requisizione.

I militari del gruppo pronto impiego hanno perquisito un’azienda coinvolta dove hanno sequestrato oltre 20mila mascherine filtranti per le quali, in sede di importazione, era stata falsamente indicata quale destinazione, alcuni comuni della provincia di Cuneo i quali, successivamente, le avrebbero destinate alla popolazione tramite la protezione civile.

Effettivamente, una modesta quantità è poi finita a questi enti locali facenti capo al Comune di Caraglio (Cuneo), capofila per altri Comuni tra di loro consorziatisi per questa necessità. Il grosso, 400mila mascherine, è stato però rivenduto ad aziende e privati in totale violazione delle direttive in questo momento in vigore.

Le mascherine importate illegalmente dall’imprenditore cinese sono state scoperte anche in un’impresa di Settimo Torinese, dove i finanzieri ne hanno sequestrate oltre 25mila. Sulle scatole era ben chiara l’indicazione di destinazione: "Ospedale di Varese”. Il titolare del magazzino è stato denunciato a sua volta per ricettazione.

Ulteriori indagini sono in corso alla ricerca di altri furbetti delle mascherine importate abusivamente. Si stima che il giro stia fornendo un incasso superiore al milione di euro.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento