Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Clima, la denuncia: "A Torino 900 morti all'anno per colpa dell'inquinamento"

I ragazzi di Friday for Future hanno incontrato l'assessore all'ambiente

 

"Il Piemonte è fra le regioni italiane che sono maggiormente responsabili delle emissioni di gas climalteranti nel nostro Paese, oltre a essere tristemente nota per gli sforamenti di polveri sottili PM10 e PM2,5. A Torino si registrano ogni anno 900 morti premature dovute all'inquinamento. Secondo recenti studi di ARPA Piemonte ben il 42% delle emissioni di gas serra proviene dall'industria, il 23% dal trasporto su strada - auto e camion - e il 17% da riscaldamento. Queste emissioni vanno drasticamente ridotte: dimezzate entro il 2030 e azzerate entro il 2050".

È chiaro il messaggio che i ragazzi di Friday for Future hanno portato questa mattina - martedì 10 settembre - davanti al palazzo del consiglio regionale del Piemonte. Un messaggio che hanno potuto riferire all'assessore all'ambiente Matteo Marnati che li ha incontrati nell'atrio del palazzo: "Il tema dell'ambiente in questo momento è molto sentito e da parte mia c'è la massima disponibilità a capire prima di tutto cosa chiedono. Sono cose principalmente di buon senso e utili. Prima di tutto cercheremo di comprendere cosa ha fatto la Regione fino a oggi, quello che stiamo facendo e quello che possiamo fare nel futuro" - ha dichiarato l'assessore. 

"Ho già iniziato un percorso che è volto a utilizzare i sistemi innovativi e alternativi sfruttando le nuove tecnologie per fare in modo che l'ambiente sia meno inquinato e pulito. Dobbiamo ragionare per le prossime generazioni. Se ci fosse stata questa attenzione in passato oggi avremo meno problemi. Una volta si pensava allo sviluppo economico senza tenere conto delle conseguenze" - ha concluso l'assessore. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento