Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Finalmente il lieto fine, Rebecca potrà combattere la malattia rara: il 4 maggio la partenza per la Germania

La visita era stata annullata a causa del coronavirus

 

Finalmente il lieto fine è arrivato. Rebecca, la ragazzina di 14 anni che combatte contro la malformazione di Chiari e l'ipotensione liquorale e alla quale era stata negata la possibilità di recarsi in Germania per sottoporsi a un importante intervento presto lo potrà fare. Ad annunciarlo la madre stessa. Noi ci eravamo occupati del caso il 15 marzo scorso. 

"Un mese fa vi ho raccontato la dura battaglia che avevo iniziato a intraprendere, una battaglia mediatica e diplomatica. Volevo garantire a mia figlia le cure mediche e l'intervento neurochirurgico di cui ha bisogno per poter stare meglio. Lei infatti è affetta da due patologie rare e necessita di questa presa in carico mirata e adeguata che in Italia non si può effettuare", racconta Alessia, la mamma della ragazzina. Entrambe vivono a Forno Canavese. 

I medici infatti dovranno risolvere il problema fondamentale dell'ipotensione liquorale di cui non si è ancora riusciti a individuare il punto preciso di perdita del liquido cefalorachidiano. Per risolvere il problema Alessia e sua figlia si devono recare in un istituto specializzato in Germania per fare una diagnostica mirata e poi in seguito un intervento chirurgico. 

"Finalmente il 4 maggio potremo partire per ottenere questa diagnostica e questo intervento neurochirurgico. La battaglia è stata vinta, adesso ci tocca combattere la guerra per poter portare a casa anche la vittoria di una guarigione che possa consentire a mia figlia una vita degna di essere vissuta", conclude Alessia. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento