Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Torino capitale del dibattito culturale sul cibo: strategie per produzioni etiche e sostenibili

Al via il Festival del Giornalismo Alimentare

 

Al via la quinta edizione del Festival del Giornalismo Alimentare, momento durante il quale il mondo dell'informazione si interroga su come migliorare la comunicazione sul cibo rivolta alla cittadinanza. Sul tavolo della discussione anche, e soprattutto, i temi legati all'etica nel mondo della produzione di alimenti e nella ristorazione. 

"Torino è la capitale del dibattito culturale sul cibo e questo è un grande momento di incontro tra giornalisti, mondo della salute alimentare, aziende ed enti. Serve per migliorare la comunicazione nei confronti dei cittadini. È un obiettivo sociale", racconta Massimiliano Borgia, direttore del Festival del Giornalismo Alimentare. 

Una responsabilità, quella di comunicare, che ricade anche sulle spalle dei produttori: "Bonduelle ha lanciato un progetto che promuove sei obiettivi concreti per un'agricoltura sostenibile. Per noi è fondamentale e abbiamo sempre avuto nel nostro dna la sostenibilità in campo agricolo. Adesso abbiamo deciso di comunicarlo per prendere degli impegni concreti e forti, ma anche per convincere il consumatore a seguire questa svolta sostenibile. Noi abbiamo lanciato il primo mais in lattina senza residui di pesticidi e a marzo lanceremo la prima insalata senza residui di pesticidi", commenta Andrea Montagna, amministratore delegato di Bonduelle. 

Occhio all'impatto ambientale della propria produzione anche da parte di As Do Mar: "I consumatori sono sempre più sensibili all'ambiente e Greta non è che l'ultimo esempio. Noi per ridurre l'impatto ambientale della nostra produzione cerchiamo di non produrre emissioni inquinanti, quelle che produciamo le filtriamo con impianti adeguati, tutte le acque reflue abbiamo un depuratore che le tratta, abbiamo per le acque industriali di reflusso il target drink water in modo che l'acqua che esce dai nostri depuratori deve essere potabile. Inoltre abbiamo caldaie che producono vapore in modo da risparmiare energia. Cerchiamo di avere un approccio globale a ogni problema che individuiamo", racconta Adolfo Valsecchi, amministratore delegato di As Do Mar. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento