Giovedì, 5 Agosto 2021

Un concerto in memoria di Ezio Bosso, il ricordo della sorella: "È entrato nella storia della musica"

Il concerto si terrà il 13 settembre all'Auditorium Rai di Torino

Ezio Bosso il 13 settembre sul palco dell'Auditorium Rai ci sarà. A ricordarlo sarà il vuoto fisico e visibile che ha lasciato. Nessun direttore d'orchestra occuperà il suo posto, l'orchestra suonerà come se il maestro torinese fosse realmente sul suo podio. L'occasione è il concerto che è stato organizzato in occasione del giorno del suo compleanno, il titolo sarà "Playforezio". 

Commosso il ricordo della sorella Ivana, in occasione della presentazione dell'iniziativa: "Ezio Bosso è diventato un pianetino e la motivazione per la quale l'Osservatorio Astronomico di Sormano ha voluto riconoscergli questo tributo è perché non si dimentichi un grande uomo e genio della musica. Ezio è entrato nella storia della musica", ha detto la donna, "Bisogna continuare a ricordarlo come artista per quello che ha lasciato con la sua musica. Tutti ci riconosciamo nel suo lascito artistico".

Arte che ha bisogno del contatto con il pubblico ed è per questo che Ivana Bosso ha ricordato l'importanza di riaprire i teatri: "Riapriamo i teatri, bisogna tornare a fare la musica sentendola dal vivo. È importante la dimensione di contatto con il pubblico, questa è anche la grande sfida che ci lascia un artista. Tornare a vedere i concerti dal vivo è una cosa bellissima che a lui avrebbe fatto piacere". 

Il concerto è stato promosso dalla Regione Piemonte grazie all’ideazione dall’Associazione Culturale "Apertis Verbis". La kermesse è patrocinata dalla Città di Torino, MIBACT, Media partnership di RAI e TGR Piemonte e dalla Consulta delle Persone in Difficoltà. Lo spettacolo prevede un repertorio classico, 'Waves and Hopes' e 'Festa' opere entrambe di Ezio Bosso e 'Metamorphosen' di Richard Strauss.

Ezio Bosso è scomparso il 15 maggio di quest’anno all’età di 48 anni. 

Si parla di

Video popolari

Un concerto in memoria di Ezio Bosso, il ricordo della sorella: "È entrato nella storia della musica"

TorinoToday è in caricamento